Eventi e novità dal mondo del Volta

 

(AVInews) – Perugia, 12 sett. – L’istituto tecnico tecnologico statale (Itts) ‘Alessandro Volta’ di Perugia, il più grande dell’Umbria con i suoi oltre 1800 studenti, è pronto a inaugurare le attività didattiche dell’anno scolastico 2020/2021, nel rispetto delle normative anti covid. Da lunedì 14 settembre le 400 matricole accederanno da cinque diversi ingressi mentre quello principale è destinato a professori e personale scolastico. Martedì toccherà alle classi del secondo anno, mercoledì a quelle del terzo e così via. Gli ultimi a prendere posto tra i nuovi banchi, comunemente detti ‘a rotelle’, saranno i ragazzi del quinto anno, impegnati fino a fine settembre nelle aziende per l’alternanza scuola-lavoro.

 

“Lo sforzo organizzativo è stato grande – ha raccontato Rita Coccia, dirigente scolastico dell’Itts ‘Volta’, nel corso della conferenza stampa organizzata sabato 12 settembre nella sede dell’istituto perugino – e grande è la sfida che ci attende quest’anno. Abbiamo sostituito tutti i banchi, grazie ai fondi del Decreto Rilancio, sanificato i locali, abbiamo i dispenser con gel alcolico per ogni classe. Il primo giorno è necessario che lo studente acceda con la mascherina di sua dotazione, poi le forniremo noi, ne abbiamo già 60mila per studenti e insegnanti. È importante, poi, rispettare le norme prescritte, ricordiamoci che siamo un piccolo villaggio di 2mila persone in 14mila metri quadrati, quindi occorre rispettare il metro di distanza, usare la mascherina quando ciò non è possibile, far arieggiare gli spazi, evitare gli assembramenti e igienizzare spesso le mani”.

Per fare chiarezza, alcuni studenti del corso di grafica e informatica, insieme ai loro insegnanti, hanno anche sviluppato un e-book, ‘A scuola.. in sicurezza’, che verrà illustrato dai docenti nei primi giorni di scuola: si accede attraverso un Qr code e serve a orientare e fornire indicazioni sul comportamento da adottare a scuola durante l’emergenza sanitaria. Il libro elettronico si compone di tre capitoli interattivi su ‘Rientro in sicurezza’, ‘Benessere a scuola’ e ‘Le regole della scuola’, con video-tutorial e link utili a non cadere nella trappola delle fake news relative alla pandemia. Gli studenti di Informatica, inoltre, stanno anche implementando un App che riassume tutti questi contenuti.

Dal punto di vista igienico-sanitario ci saranno pulizie continue, ogni ora per i bagni, e ciascun studente dovrà igienizzare la propria postazione. La rotazione degli studenti nelle aule sarà limitata a una, massimo due, e non per ogni cambio di ora e materia come avveniva prima, mentre sarà indispensabile arieggiare periodicamente il locale. Dal punto di vista didattico, “un giorno alla settimana ci saranno le lezioni a distanza – ha spiegato Coccia –.  Parliamo di 14, 15 classi al giorno che saranno a casa a rotazione per alleggerire il numero totale di studenti presenti nell’istituto. Le discipline interessate saranno educazione fisica, perché non possiamo garantire il distanziamento di due metri, e religione, perché chi non svolge questa attività e deve farne una alternativa creerebbe dei gruppi misti che sono altamente sconsigliati. Oltre a queste, ve ne sono altre scelte dal Collegio dei docenti che variano a seconda che si tratti di prime, seconde, terze, quarte o quinte classi, per un totale di cinque ore”.

Cosa succede, poi, se qualcuno avverte sintomi influenzali? “Fermo restando che chi ha una temperatura corporea superiore a 37,5 gradi centigradi non può entrare a scuola – ha spiegato Coccia –, il soggetto in questione viene portato in infermeria, si chiama uno dei tre numeri telefonici che ha fornito, dei genitori o di altri familiari, e fa rientro a casa. Se riscontra una positività al Covid-19 viene informata l’Usl. Alla scuola spetta il compito di fornire la lista di contatti, il resto è competenza dell’Usl”.

Infine il capitolo sanzioni. “C’è un regolamento interno all’istituto approvato da docenti, genitori e studenti – ha ribadito Coccia. – Chi non lo rispetta va incontro a sanzioni. Per quanto riguarda il comportamento da tenere alla luce delle disposizioni anti Covid, che impongono l’uso della mascherina quando non è garantito un metro di distanza tra persone, sarò molto rigida. Ne va della salute di tutti. Da noi ci sono studenti e personale da tutta l’Umbria, non ci possiamo permettere di essere superficiali. Ci sarà un ammonimento verbale dapprima, poi scritto e se non basta si arriverà alla sospensione dell’alunno con conseguente ripercussione sul voto in condotta”.

Rossana Furfaro

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.